Webmail

Contact form submitted!
We will be in touch soon.
*This is not a valid name. *This field is required. *This is not a valid email address. *This field is required.

Area Clienti

Contact form submitted!
We will be in touch soon.
*This is not a valid name. *This field is required. *This is not a valid email address. *This field is required.

EXESTUDIOS.COM \ PRESS.

CAMBIA LO SHOPPING DEGLI ITALIANI: GUARDANO LE VETRINE, COMPRANO ONLINE

In Italia, nel 2012 l'e-commerce ha raggiunto un valore di 10 miliardi di euro, il 20% in più dell'anno prima. Un italiano su quattro osserva e prova i prodotti dal vivo, ma li acquista in rete per risparmiare fino al 70%. Su Internet vengono scambiate informazioni sempre più dettagliate. Anche i consigli medici viaggiano sulla fibra: le opinioni della Rete valgono più di quelle del farmacista.

Gli italiani si sono fatti furbi, specialmente ora che il portafogli piange e il web offre la possibilità di risparmiare. Un italiano su quattro infatti guarda le vetrine ma poi acquista online. Dall'abbigliamento ai farmaci. Una tendenza che è stata registrata dall'osservatorio di Alkemy, una società italiana specializzata nella consulenza digitale. Un mercato quello digitale che vale in Italia dai 3 ai 4 miliardi di euro e che nel 2012 ha assorbito il 16% degli investimenti: nel 2010 erano a quota 10% e si stima che nel 2015 potrebbero raddoppiare. Strategie che rincorrono la crescita dell'e-commerce, che nel nostro Paese valeva, nel 2012, 10 miliardi di euro, il 20% in più rispetto al 2011.

L'e-commerce punta sulla convenienza all'acquisto: online si può risparmiare anche il 70% sul prezzo dello scontrino "reale", ma per ovviare al dilemma del "se non tocco non compro", specialmente su acquisti come scarpe e abbigliamento, gli italiani hanno iniziato a integrare virtuale e reale: la metà di chi viene a conoscenza di un prodotto attraverso la pubblicità tradizionale, utilizza poi Google per avere più informazioni su un determinato prodotto. Informazioni che nel 50% dei casi possono modificare la decisione di acquisto, che nel 9% dei casi si materializza con lo shopping online. Se poi le ricerche vengono effettuate utilizzando lo smartphone (47%) nel 41% dei casi il prodotto si acquista direttamente in Rete, nel 28% invece si procede all'acquisto offline.

La Rete funziona come un Grande Fratello, che osserva le abitudini di consumo delle persone, in modo più o meno invadente, più o meno consapevole da parte dell'utente stesso. I social network in questa dinamica acquistano un peso via via maggiore: nel nostro Paese vivono 26 milioni di iscritti a Facebook (4 a Twitter), di cui il 29% responsabili dell'acquisto di prodotti in famiglia e la metà comunque coinvolti nel momento decisionale. Un tesoretto di clienti da non lasciarsi sfuggire: perciò aziende del calibro di AT&T, Dell, Starbucks, Nike, Coca Cola, Disney stanno investendo su app, customer care che utilizzano i social network, promozioni, online, e-coupon e store virtuali.

Come già detto il web non è solo una piazza virtuale per il tempo libero e gli acquisti non di prima necessità. Un terzo degli italiani lo usa sempre di più anche per trovare informazioni sulla salute: se il medico di base rimane la fonte primaria per ottenere informazioni mediche (56%), Internet sta prendendo sempre più piede (11%), e diventa più attendibile di parenti e amici (10%) o del farmacista (4%). Le più ricercate sono le informazioni sulle patologie (90%), sulle strutture a cui rivolgersi (59%). Si stanno facendo largo anche i servizi: il 15% prenota visite ed esami (15%), il 3% acquista farmaci (3%).

Ma l'attività più frequente è quella di scambiarsi opinioni e informazioni su patologie e farmaci. E in questo l'America è maestra: nel Paese delle cure fai-da-te, secondo l'analisi di Alkemy (su dati Forrester 2011), il 50% della vendita dei farmaci è influenzata dalle informazioni raccolte in Rete e il 7% degli acquisti avviene online. E l'accanimento per trovare soluzioni e rimedi in Internet ai propri malanni tocca tutti i canali multimediali: secondo una ricerca effettuata dalla Pfizer, ogni giorno sono più di 500 i gruppi che si incontrano solo per parlare di diabete; 36mila i video dedicati a interventi chirurgici, 170mila i pazienti iscritti a social network specializzati che parlano della loro condizione cronica e di possibili trattamenti.

E anche in questo settore fioccano app e siti ideati per controllare i valori glicemici nel sangue o il peso - soprattutto per i diabetici - oppure per aiutare i pazienti emofiliaci nella vita quotidiana. O ancora per tenere un diario della malattia, seguendone l'evoluzione.

Alkemy ha esaminato anche le parole più ricercate su Google: il nome dei principi attivi ha superato quello dei brand e se Aspirina e Tachipirina sono ancora i termini più cliccati dell'acido acetilsalicilico e del paracetamolo, le ricerche legate all'ibuprofene hanno superato quelle del Moment o dello Spidifen. Anche tra i mucolitici il brand prevale sul principio attivo: Fluimucil è ancora più ricercato dell'acetilcisteina.

Fonte: Repubblica.it

indietro    






bottom bottom

Exestudios.com

Partita Iva   07224180724

Barletta  |   Via F. D'Aragona, 157
   088 319 552 18
   088 395 417 3
   info@exestudios.com
   visualizza la mappa
     
     
     

Social Network



Partners



Contattaci


Codice di Sicurezza
Codice di Sicurezza

Ricopiare qui sotto correttamente il Codice di Sicurezza

Privacy
CONSENSO SUL TRATTAMENTO DEI DATI AI SENSI DEL D.LGS 196/2003 I dati che Vi riguardano saranno archiviati e trattati nel rispetto di quanto stabilito dal D.LGS 196/2003.
Autorizzo*