Webmail

Contact form submitted!
We will be in touch soon.
*This is not a valid name. *This field is required. *This is not a valid email address. *This field is required.

Area Clienti

Contact form submitted!
We will be in touch soon.
*This is not a valid name. *This field is required. *This is not a valid email address. *This field is required.

EXESTUDIOS.COM \ PRESS.

GOOGLE IL MIGLIOR LUOGO DI LAVORO AL MONDO

Google è il miglior luogo dove lavorare che esista al mondo. E se qualcuno pensa che sia l’eccezione nel super competitivo mondo delle multinazionali della silicon valley è in errore: dietro Big G ci sono altre due società californiane. Questo il responso della classifica di Great Place to Work, l’osservatorio internazionale che ha premiato per la prima volta Mountain View.

La sua politica sul personale, eccezionalmente innovativa, ha fatto la differenza. Google ha dei piani di conciliazione lavoro-famiglia inimmaginabili in Europa (per non parlare dell’Italia), tipici della mentalità americana, capaci di superare steccati ideologici (ad esempio i generi sessuali), limiti normativi. Tutto pensato per concentrare la massima energia delle risorse umane verso gli obiettivi dell’azienda. Insomma, non è la numero uno al mondo per gli open space e i nerd che girano in skate – quello che ce l’hanno tutti – ma per la produttività dei dipendenti collegata alla loro soddisfazione: entrambe ben oltre la media.
Gli altri nomi della classifica

Spulciando la classifica generale si scoprono altri nomi noti. Dietro Google altre tre tech-society: Sas, NetApp e Microsoft, che ha migliorato di un gradino la posizione dell’anno scorso. Tutte multinazionali californiane. Al decimo posto Cisco, al 16° la telefonica.

Cambiando i filtri della ricerca e andando nella classifica delle migliori 100 compagnie europee, la musica non cambia: in questo caso è proprio Microsoft ad essere al primo posto, seguita da alcune società nate in Europa e altre con sedi storicamente molti forti nel vecchio continente come Hindi, National Instruments, Novartis.

L’Italia non c’è, da nessuna parte

L'esperto di smart city, Michele Vianello, lo twitta apertamente: se si parla di agenda digitale, non dimentichiamo che il nostro sistema è ancora fordista mentre gli altri non lo sono più.
Ha perfettamente ragione, alla luce anche della spaventosa assenza di una qualunque società italiana nella graduatoria, che considerando il grado di internazionalizzazione non poteva che punire pesantemente l’impresa made in Italy. Anche selezionando le società di medio-piccole dimensioni non c’è verso di trovare dell’italianità neppure al 50° posto. E si guarda alla classifica complessiva, anche la presenza delle multinazionali sul suolo italiano si sta impoverendo: da dodici che erano due anni fa, ora sono soltanto otto.
 
Fonte: webnews.it

indietro    






bottom bottom

Exestudios.com

Partita Iva   07224180724

Barletta  |   Via F. D'Aragona, 157
   088 319 552 18
   088 395 417 3
   info@exestudios.com
   visualizza la mappa
     
     
     

Social Network



Partners



Contattaci


Codice di Sicurezza
Codice di Sicurezza

Ricopiare qui sotto correttamente il Codice di Sicurezza

Privacy
CONSENSO SUL TRATTAMENTO DEI DATI AI SENSI DEL D.LGS 196/2003 I dati che Vi riguardano saranno archiviati e trattati nel rispetto di quanto stabilito dal D.LGS 196/2003.
Autorizzo*